• Lun. Lug 15th, 2024

Spotify ospita ancora una canzone transofobica virale di un rapper cristiano

DiLavinia Ferrara

Ott 26, 2023

Come precedentemente sottolineato da The Advocate, i termini di servizio di Apple Music per gli artisti affermano che i testi non possono contenere discorsi d’odio, mentre la politica sui contenuti pericolosi di Spotify non consente “contenuti che incitano alla violenza o all’odio verso una persona o un gruppo di persone basato su razza, religione, identità di genere o espressione”.

Se non avete ancora sentito l’inno transofobico virale “Still 2 Genders”, non preoccupatevi, è ancora disponibile su Spotify, Apple Music e Amazon Music. La canzone, del rapper cristiano Tyson James e con la partecipazione di suo figlio di 11 anni Toby James, inizia con il preadolescente che canta, “Se eri una Susie, non puoi essere un Scott”. La canzone è diventata virale su TikTok prima di trovare la sua strada su X, e presenta anche un insulto anti-trans. L’organizzazione di vigilanza sui media GLAAD ha criticato sia Apple Music che Spotify per aver ospitato la canzone, così come per aver permesso la copertina dell’album, che mostra Tyson James con una maglietta con una bandiera del progresso in fiamme.

Le aziende hanno politiche sui discorsi d’odio per proteggere tutti i loro utenti da contenuti tossici”, ha detto un portavoce della GLAAD a The Advocate in una dichiarazione all’inizio di questo mese. “Quando le piattaforme non applicano le loro stesse politiche, minano la sicurezza dei loro prodotti e gli interessi migliori dei loro utenti”. Spotify ha rimosso l’arte per il singolo dalla sua piattaforma, mentre, al momento della stampa, l’arte accompagna ancora la canzone su Apple Music e su Amazon Music.

In risposta al commento su Spotify che mantiene la canzone mentre rimuove l’artwork dell’album, un portavoce della GLAAD ha detto a Them via email, “GLAAD ha aumentato la consapevolezza al team di fiducia e sicurezza di Spotify che la canzone, l’immagine dell’album e le immagini del video che includevano una bandiera del progresso in fiamme violavano la sua politica sui discorsi d’odio. Spotify ha rimosso la copertina dell’album e il video. … La canzone stessa rimane purtroppo in diretta, nonostante presenti un insulto anti-trans e una caratterizzazione disumanizzante delle persone transgender. GLAAD ha notato la scorsa settimana che l’artwork e le immagini erano stati rimossi”. Them ha contattato Spotify per un commento, ma al momento della stampa non aveva ancora ricevuto risposta.