• Ven. Apr 19th, 2024

Chi ha più qualità audio tra Spotify e Apple Music?

DiAurora Bagnoli

Mar 25, 2024

Nel panorama dei servizi di streaming musicale, due giganti si contendono l’attenzione degli audiofili: Spotify e Apple Music. La qualità del suono è spesso un campo di battaglia per questi colossi, ma quale dei due offre un’esperienza acustica superiore?

Spotify, con la sua vasta libreria musicale, ha a lungo sedotto gli ascoltatori con la sua accessibilità e facilità d’uso. Tuttavia, è Apple Music che si distingue per la qualità audio. Il servizio di streaming della mela morsicata offre file musicali codificati in formato AAC (Advanced Audio Coding), che, pur avendo un bitrate simile a quello di Spotify, è generalmente riconosciuto per la sua maggiore efficienza e quindi per una migliore qualità del suono a parità di bitrate.

La differenza si fa sentire soprattutto quando si utilizzano cuffie di alta qualità o sistemi audio sofisticati. Gli appassionati di musica che danno priorità alla fedeltà del suono troveranno in Apple Music un alleato prezioso, capace di restituire le sfumature e la profondità delle tracce musicali con maggiore precisione.

Nonostante la competizione, entrambi i servizi continuano a migliorare e ad aggiornare le loro offerte. Spotify non è rimasto a guardare e ha introdotto Spotify HiFi, un livello di abbonamento che promette musica in qualità CD senza perdite, benché al momento del confronto non sia ancora disponibile per tutti gli utenti.

In definitiva, la scelta tra Spotify e Apple Music può dipendere da molti fattori, ma per gli amanti del dettaglio sonoro puro, Apple Music sembra avere un leggero vantaggio.